Spirulina

Spirulina platensis

Alga spirulina in granuli
Alga spirulina in granuli

La  Spirulina può essere utilizzata insieme ad altre fonti di proteine di origine animale per aumentare le proteine nei comuni pastoncini  nella fase riproduttiva, e si può utilizzare somministrandola a tutti gli uccelli in tutto il periodo dell’anno. E’ un’alga originaria dell’America Centrale, di colore verde-azzurro, prende il nome dalla forma a spirale della sua molecola. Il contenuto lipidico del Spirulina è circa il 7% in peso, è ricco di  acido gamma-linolenico (GLA), e fornisce anche acido alfa-linolenico (ALA), acido linoleico (LA), acido stearidonico (SDA), acido eicosapentaenoico (EPA), acido decosaesaenoico (DHA) e acido arachidonico (AA). La Spirulina contiene anche vitamine B1 (tiamina), B2 (riboflabina), B3 (nicotinamide),B6 (pirossidina), B9 (acido folico), vitamina C, vitamina D,  vitamina A e la vitamina E. È inoltre una fonte di potassio, calcio, cromo, rame, ferro, magnesio, manganese, fosforo, selenio, sodio e zinco. La Spirulina infine contiene molti pigmenti che possono essere benefici, tra cui  beta-carotene, zeaxantina, clorofilla-a, xantofilla, echinenone, myxoxanthophyll, cantaxantina, diatoxanthin, hydroxyechinenone, beta-criptoxantina e oscillaxanthin, più i ficobiliproteine c -phycocyanin e allophycocyanin.
Altra peculiarità della Spirulina è l’alto contenuto proteico: circa il 60%, il 13-15% di zuccheri e il 3-4% di grassi.

La presenza di fitonutrienti naturali quali la clorofilla, i polisaccaridi e la ficocianina, della quale è l’unica fonte naturale, rendono la Spirulina un prodotto che trova applicazione come disintossicante. La Spirulina ha un notevole effetto sul sistema immunitario, determinando un aumento delle difese dell’organismo ed una azione antivirale. Stimola la formazione di lactobacillus il quale preserva la flora intestinale e facilita l’assorbimento della vitamina B1. Gli studi tossicologici sugli effetti del consumo di Spirulina su umani ed animali, che comprendono anche la sostituzione del 60% delle proteine tramite l’assunzione di spirulina, non hanno mostrato alcun effetto tossico. Gli studi sulla fertilità, sulla teratogenicità e multi-generazionali sugli animali inoltre non hanno rilevato alcun effetto nocivo dal consumo di spirulina. Anzi, è risultato che l’assunzione di spirulina prevenga danni causati da tossine in grado di danneggiare cuore, fegato, reni, neuroni, occhi, apparati genitali e DNA. E’ reperibile in  confezioni specifiche per ornitologia con la descrizione dei relativi dosaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *